SOLSTIZIO 2018 : IL NOSTRO SOLE INTERIORE

Il Solstizio d'Inverno rappresenta da sempre un momento magico in cui, dopo la notte più lunga dell'anno il Sole torna ad allungare via via le sua giornate simboleggiando la vittoria della Luce sulle tenebre; il Sol Invictus, chiamato così nell'antica Roma a dimostrazione che nel periodo in cui fa più freddo in realtà il Sole ritorna manifestando così la sua immortalità.

La parola "Solstizio" deriva dal latino " solstitium" e significa letteralmente "sole fermo" descrivendo il momento in cui si verifica la notte più lunga ed il giorno più corto dell'anno; immediatamente dopo la luce del giorno tornerà ad aumentare ed il buio della notte si ridurrà sempre di più fino al Solstizio d'Estate.

La venuta dell'Inverno ci impone naturalmente di rallentare i ritmi e di andare dentro di noi alla riscoperta dell'essenziale.

La stagione più fredda dell'anno, in cui gli alberi sono spogli ed il gelo si fa sentire ci suggerisce un ritorno alle nostre radici e alla nostra preziosa essenza, al di là di tutte le distrazioni mentali e delle emozioni che ci portano a perdere la nostra centratura, ma che può essere ritrovata attraverso il ricononoscimento e conseguentemente il radicamento nel nostro centro, rappresentato astrologicamente dal Sole di nascita.

Nell'antica Grecia la divinità che rappresentava il Sole era Apollo, e come il Sole era colui che consapevole del proprio valore e della propria funzione era il depositario della luce nel mondo.

Esattamente come il Sole era considerato, nel mondo antico, egli stesso apportatore di luce, così Apollo, quale ambasciatore del Sole, era ritenuto il depositario proprio della luce interiore.

"Conosci te stesso" era il detto scolpito nella roccia del suo tempio a Delfi e ciò evidenzia l'importanza che Apollo aveva come simbolo della coscienza.

Il dio non era inteso come il Sole fisico dei cieli; egli era colui che trasportava il Sole, conducendolo ogni giorno sul suo carro da est ad ovest.

Il Sole fisico era lontano ed intoccabile; era l'unico, l'essenza della stessa vita, impossibile da avvicinare o comprendere pienamente.

La figura umana, rappresentata da Apollo, mostra come egli fosse un riflesso di qualcosa che si trova all'interno della psiche umana, un vascello o un trasportatore dell'ineffabile.

Non deve sorprendere che Pitagora e Platone avessero entrambi in gran favore Apollo poichè la filosofia nel suo significato più profondo- l'amore per la saggezza- è collegata a questo processo di acquisizione della coscienza finalizzata al ricongiungimento con ciò che Platone chiamava " le verità eterne".

Cosa implica questo ruolo di apportatore di luce nei termini di come interpretiamo il Sole nell'oroscopo?

Prima di tutto esso suggerisce che il simbolo Apollo descrive una centralità fondamentale, presente dentro di noi -un nucleo di identità o un senso di destino personale- che emerge dalla consapevolezza di noi stessi come individui e che ha il potere di dissipare le incomprensioni che derivano dall'inconsapevolezza.

Apollo è anche il "Cosmocreatore", il centro attorno al quale ruota il sistema solare.

In questo ruolo egli è spesso ritratto, nell'arte antica, mentre regge o mostra la ruota dello zodiaco, poichè lo zodiaco è una rappresentazione dell'ellittica del percorso visibile che il Sole compie attorno alla Terra.

L'Astrologia che noi abbiamo ereditato dai Greci, riflette essenzialmente la stessa idea di un cosmo ordinato.

Il moto ordinato del cosmo dipende da Apollo, che è veicolo delle intenzioni e dell'intelligenza della luce divina del Sole, ed è il suo principio organizzativo che tiene uniti i pianeti durante i loro percorsi. Qui, di nuovo, possiamo pervenire a molte illuminazioni sulla funzione a cui il Sole assolve nell'ambito dell'Astrologia, perchè questa centralità pone l'individuo al centro della sua vita e permette agli altri fattori, presenti nella carta natale, di stabilire l'uno con l'altro un rapporto di armonia.

Il Solstizio cade il 21 Dicembre, quando il Sole è a cavallo tra il Sagittario e il Capricorno, ed è il momento in cui dopo aver individuato i nostri desideri più profondi e "lanciato le nostre frecce" ossia individuato i prossimi obiettivi; ora abbiamo bisogno di concentrazione, pianificazione ed impegno per cercare di realizzarli.

Il Sole in Capricorno infatti è un Sole dominato da Saturno, pianeta che ci parla di razionalità e di rigore, ma anche di impegno, costanza e perseveranza, di resistenza e determinazione: tutte qualità utili per raggiungere i propri obiettivi.

Saturno è altresì il pianeta della saggezza inteso sia come "Grande padre" che ci insegna il valore della responsabilità e del rispetto, sia come "Guardiano delle porte" in quanto solo attraverso il superamento delle prove concede all'essere umano di evolversi.

In Astrologia Umanistica, non a caso, viene chiamato "il Signore del karma" poichè è colui che riporta tutti i nodi al pettine, certamente non per punirci, ma dandoci l'occasione di comprendere i nostri blocchi e le nostre difficoltà attraverso l'esperienza diretta, col fine di farcele comprendere a fondo e "obbligandoci" in qualche modo a guardarli in faccia.

Tornando al giorno del solstizio d'Inverno, invece, è particolarmente interessante analizzare la configurazione dei pianeti:

-il SOLE sarà in splendido TRIGONO A URANO posto agli ultimi gradi dell'ARIETE e creerà una QUADRATURA con MARTE E CHIRONE CONGIUNTI IN PESCI

-MARTE formerà un bel SESTILE A PLUTONE IN CAPRICORNO

- MERCURIO E GIOVE IN SAGITTARIO saranno in splendida CONGIUNZIONE

- VENERE IN SCORPIONE si pone in TRIGONO A NETTUNO IN PESCI ed in SESTILE A SATURNO IN CAPRICORNO

I transiti planetari ci suggeriscono un desiderio di rinnovamento e di abbandono di tutto ciò che sentiamo non appartenerci più e che ci impedirebbe di proseguire il cammino verso la nostra realizzazione.

Già da molti anni Urano in Ariete ci parla di cambiamenti, sia a livello mondiale che personale, rendendoci insofferenti ai vecchi modelli che sono divenuti obsoleti ed inducendoci a rivoluzionare quei campi della nostra vita che ci stanno troppo stretti o in cui non ci riconosciamo più.

Urano infatti è il pianeta che effettua i tagli necessari per proseguire, che rivoluziona quando è necessario imponendoci di andare avanti ed in questo periodo avvertiremo una spinta in tal senso, ma potrebbe non essere facile agire di conseguenza.

Marte e Chirone in Pesci, formando una quadratura col Sole infatti ci obbligano a porre attenzione alle nostre ferite; il grande guaritore è affiancato da Marte e potrebbe farci sentire chiaramente tutta la nostra insofferenza, esortandoci a guardare in faccia ciò che ancora ci fa male; quelle ferite ancora aperte che devono essere accolte e non rifiutate, comprese ed accettate.

E' giusto desiderare i cambiamenti necessari alla realizzazione di una vita più felice e più consona alle nostre potenzialità, ma dobbiamo comprendere che fino a quando non avremo individuato i meccanismi inconsci celati nell'ombra legate alle nostre paure sabotanti, non potremmo neanche superarli.

Sto parlando delle nostre fragilità, che siamo chiamati ad accettare ed ad accogliere con amore e ascoltate fino in fondo per comprendere cosa hanno da dirci e Chirone avrà proprio la funzione di riportare alla ribalta ciò che va amorevolmente integrato nella luce.

Da questa nuova consapevolezza nascerà anche una nuova forza, conseguente alla chiarezza che avremo raggiunto e che ci porterà, grazie al bellissimo sestile di Marte con Plutone in Capricorno ad essere ancor più determinati nell'attuare i cambiamenti che desideriamo nella nostra vita.

Plutone rappresenta l'ottava superiore di Marte, quella forza risanatrice, profonda e capace di grandi trasformazioni poichè legata all'istinto vitale di sopravvivenza.

Chi meglio di Plutone potevamo avere come alleato in un momento come questo?

Inoltre la splendida congiunzione di Mercurio con Giove in Sagittario è assolutamente propizia a intraprendere questo tipo di lavoro perchè ci aiuta a comprendere con una visuale più ampia le dinamiche.

Mercurio rappresenta l'ascolto mentre Giove è l'intuito e la parola e , se sapremo ascoltare il nostro cuore e guardare in faccia le nostre paure senza tirarci indietro, avremo una meravigliosa occasione per ampliare la nostra consapevolezza abbracciando con più facilità la nostra totalità fatta di luci e di ombre, di potenzialità, ma anche di bisogni, di timori e di paure e anche questi vanno accolti ed amati.

Venere in Scorpione in trigono a Nettuno ed in sestile a Saturno è una vera e propria benedizione...

Venere, come tutti sappiamo, è il pianeta dell'amore e delle relazioni e nel riservato ed affascinante segno dello Scorpione si esprime in tutta la sua profondità e capacità di amare con grande intensità e passione.

Il trigono a Nettuno ci parla anche di amore universale e di ideale che si ha dell'amore suscitando in noi sentimenti profondi in cui l'empatia ed il desiderio di amare senza condizioni saranno protagonisti.

Non dimentichiamo che Venere rappresenta l'amore in generale quindi può essere espresso nelle più diverse relazioni; può essere l'amore per il partner o per i figli, l'amore per gli animali o la natura, l'amore universale verso un modo migliore, ma anche, cosa che spesso si dimentica, l'amore verso noi stessi, e quindi sarà proprio la connessione col nostro cuore ed il desiderio di curare le nostre ferite con tenerezza ed amore, la chiave vincente a farci evolvere.

Una Venere splendida che ci fa esprimere i sentimenti più nobili e disinteressati ma che sa anche essere concreta e lungimirante grazie al bellissimo sestile con Saturno nel suo domicilio in Capricorno che saprà apportare anche la serietà e la costanza necessarie ad intraprendere un lavoro così importante e delicato come quello del riconoscimento delle nostre ferite.

Le domande da porsi saranno le seguenti:

- Sono in contatto col mio centro e la mia essenza più profonda in questo momento?

- Cosa ancora mi fa soffrire, poichè rivela un bisogno profondo inascoltato?

- Cosa vogliono farmi comprendere le emozioni scomode come la rabbia, la tristezza, la disillusione?

- Quale parte di me ha bisogno di essere maggiormente ascoltata ed accolta amorevolmente, in primis da me stessa/a?

- Quali cambiamenti ho bisogno di attuare nella vita per sanare le mie ferite e nutrire la mia essenza?

- Qual è il mio modo di intendere l'amore e come desidero esprimerlo, ma soprattutto: mi sto concedendo abbastanza amore?

Prendiamoci tutto il tempo necessario per riflettere su queste domande e come l'Inverno che custodisce nella terra calda ed accogliente i semi che germoglieranno a Primavera, custodiamo dentro di noi i semi dei nostri desideri più profondi, ascoltiamoci e prendiamoci cura di noi, con pazienza e costanza, senza perdere di vista i nostri obiettivi; come fa una madre che con amore e tenerezza si prende cura di ciò che gli è più caro...i semini curati e nutriti da noi stessi metteranno piano piano le radici e troveranno la forza per crescere e venire alla luce quando arriverà il loro tempo, come ci insegna la legge della Natura...

Cogliamo questa splendida opportunità, che nasce col Solstizio del Sole ed impariamo a riconoscere sempre meglio il nostro Sole interiore, quello che nonostante le difficoltà ed i momenti bui, è sempre lì, nel profondo di noi stessi, pronto ad essere nuovamente riconosciuto ed alimentato e che, se sapremo usarlo al meglio ci aiuterà a spazzare via quegli ostacoli interiori che ci impediscono di splendere come vorremmo.

Buon Solstizio a tutti e un abbraccio.

 

                                                                                                   Patrizia Flavia Quarta